RINNOVO ISCRIZIONE AGLI ANNI SUCCESSIVI 2019/20 E STUDENTE A TEMPO PARZIALE

RINNOVO DELL’ISCRIZIONE AGLI ANNI SUCCESSIVI 2019/20

Per rinnovare l’iscrizione entro i termini, gli studenti del Politecnico di Bari dovranno provvedere al pagamento della Tassa di iscrizione che verrà generata dal sistema Esse3 e sarà visualizzabile nella pagina Pagamenti dell’area riservata di ciascun profilo. Il rinnovo dell’iscrizione agli anni successivi si effettua pagando la tassa di iscrizione 2019/20, a partire dal 3 Settembre 2019 ed entro il 3 Ottobre 2019.

La Tassa di iscrizione di € 136 contiene esclusivamente le seguenti voci (visibili cliccando sul numero di Fattura presente in Esse3):

  • Tassa regionale ADISU: 120 €;

  • Bollo virtuale: 16 €;

Sull’importo della I rata non influiscono il reddito né il merito, di cui si tiene conto nell’elaborazione della II, III e IV rata.

N.B. Per le modalità di certificazione dei redditi consultare l’apposita informativa disponibile nella sezione Tasse del sito www.poliba.it.

Tutti gli studenti devono versare la I rata di € 136.

Sono esonerati dal pagamento di € 136 e devono assolvere esclusivamente l’imposta di bollo di € 16 soltanto gli studenti diversamente abili con disabilità certificata pari o superiore al 66%. Per ottenere tale esonero, occorrerà inoltrare domanda consultando l’informativa dedicata.

Rinnovo iscrizione studenti laureandi

Gli studenti che intendono laurearsi nella sessione straordinaria (Gennaio – Aprile) sono esonerati dal pagamento delle Tasse di iscrizione all’anno successivo (1^, 2^) solo e unicamente se al 31 Dicembre hanno superato tutti gli esami previsti dal proprio piano di studio ad eccezione del tirocinio e della prova finale. Per piano di studio si intendono tutti gli esami necessari a raggiungere il numero dei cfu totali per il conseguimento del titolo.

A coloro i quali conseguiranno il titolo di laurea triennale nella sessione straordinaria e si immatricoleranno nello stesso anno accademico ad un corso di laurea magistrale del Politecnico di Bari, sarà conguagliata la seconda rata, indispensabile per poter sostenere gli esami da gennaio ad aprile, con le ulteriori rate del contributo onnicomprensivo T2, T3 e T4, fino a concorrenza dello stesso, senza rimborso per eventuali ulteriori crediti maturati. Sono escluse le tasse ADISU e le imposte di bollo.

Tutti gli studenti che non si trovano nella condizione sopra descritta sono tenuti al pagamento delle rate di iscrizione (1^ e 2^) che non saranno soggette a rimborso.

STATUS DI STUDENTE A TEMPO PARZIALE

Perché ci si iscrive a tempo parziale

Libera opzione

Lo studente che decide di optare per il “tempo parziale”, prevede di non poter dedicare la totalità del proprio tempo allo studio e può iscriversi dichiarando che acquisirà nel corso di due anni accademici un numero di CFU pari ad un ordinario anno accademico. Ciò significa che gli studenti che decidono di optare per questa forma di iscrizione raddoppiano il tempo per conseguire i CFU/anno.

Obbligo imposto da una norma di accesso

L’iscrizione a tempo parziale può però conseguire anche da un obbligo imposto dal Senato Accademico (vedasi norme per l’ammissione oppure per l’immatricolazione alle Lauree magistrali nel periodo 4). In questo caso lo studente non ha possibilità di scelta, ma deve obbligatoriamente effettuare l’iscrizione in regime di tempo parziale.

Chi può chiedere lo status di studente a tempo parziale

Possono iscriversi come studenti a tempo parziale solo gli studenti in corso (articolo 19 del Regolamento Didattico di Ateneo, modificato dal D.R. 385 del 17/07/2015).

Come funziona il tempo parziale

Per lo studente a tempo parziale un anno di corso dura due anni accademici, ciascuno dei quali viene definito slot. Lo studente a tempo parziale pagherà per ogni anno accademico (slot) di iscrizione integralmente la Tassa Regionale per il Diritto allo studio e il bollo virtuale, mentre il contributo onnicomprensivo sarà pari al 50% di quanto dovuto; lo studente pagherà per intero le sovrattasse.

Esempio:

Giovanni, nel 2019/20, si iscrive come studente a tempo parziale (indipendentemente dal motivo), per il suo I anno di corso.
Dunque, il I anno di Giovanni durerà due anni accademici:

  • PRIMO SLOT 2019/20, nel quale Giovanni potrà sostenere massimo 30 CFU del I anno di corso (tra il 1° Gennaio 2020 e il 31 Dicembre 2020, o comunque tra la data di immatricolazione per l’a.a. 2019/20 e il 31/12/2020);

  • SECONDO SLOT 2020/21, nel quale Giovanni potrà sostenere altri 30 CFU (tra il 1° Gennaio 2021 e il 31 Dicembre 2021); ATTENZIONE: il limite dei 30 CFU comprende i CFU eventualmente non sostenuti nel primo slot, che entrano nel calcolo dei CFU per il limite!

Giovanni, nel 2021/22 potrà liberamente scegliere se mantenere lo status di studente a tempo parziale oppure passare allo status di studente a tempo pieno.

Cosa succede se si supera il limite CFU/SLOT

Il superamento (più di 30) del limite dei 30 CFU verbalizzati comporta, in ogni caso la decadenza dello status di studente a tempo parziale. Lo studente dovrà comunque segnalare il superamento della soglia tramite il servizio di Helpdesk/Ticketing, al fine di ottenere la regolarizzazione della posizione amministrativa e contributiva. A titolo esemplificativo, si riprende l’esempio precedente.

Superamento limite nel primo slot

Giovanni supera i 30 CFU nel I slot a.a. 2019/20. In tal caso pagherà l’ulteriore metà del contributo onnicomprensivo, il 2019/20 sarà il suo primo anno di corso e il 2020/21 diventerà il suo secondo anno di corso.

Superamento limite nel secondo slot

Giovanni supera i 30 CFU nel II slot a.a. 2020/21. In tal caso, la decadenza della condizione di studente a tempo parziale coinvolgerà entrambi gli slot e due anni accademici. Pagherà l’ulteriore metà del contributo onnicomprensivo sia per il I che per il II slot, ma il 2019/20 sarà il suo primo anno di corso e il 2020/21 diventerà il suo secondo anno di corso. Perciò si troverà al secondo anno di corso con poco più di 60 CFU verbalizzati.

Come si inoltrano l’istanza e quando

Richiesta di passaggio al tempo parziale

L’istanza può essere inoltrata dal 3 Settembre al 31 Dicembre 2019, tramite il sistema di Helpdesk/Ticketing, selezionando la categoria “Studenti a tempo parziale”.

Per coloro che intendono optare per lo status di studente a tempo parziale contestualmente all’immatricolazione, la richiesta dovrà essere inoltrata durante la procedura di immatricolazione (il processo via web chiede di selezionare il regime di impegno, scegliendo tra full-time e part-time).

Richiesta di passaggio dal tempo parziale al tempo pieno

L’istanza può essere inoltrata dal 3 Settembre al 31 Dicembre 2019, tramite il sistema di Helpdesk/Ticketing, selezionando la categoria “Studenti a tempo parziale”.  Attenzione: possono effettuare tale richiesta solo gli studenti che usufruiscono del tempo parziale per libera opzione.

Piano di studio

La divisione in anni delle discipline e le modalità di svolgimento delle lezioni per gli studenti a tempo parziale sono oggetto di valutazione da parte delle strutture didattiche competenti. Lo studente è dunque tenuto a seguire le regole di Dipartimento per le pratiche studenti.

#SD #StudentiDemocratici