Accesso agli anni successivi dei corsi di laurea triennali in ingegneria – Fase 3 – ESITO

L’Ufficio Concorsi e Immatricolazioni ha esaminato tutte le istanze pervenute.

Consulta la tabella esiti

L’Ufficio notificherà a ciascuno studente la cui domanda è stata rigettata il motivo di tale rigetto.

Obblighi dei candidati ammessi

Le procedure di passaggio sono dematerializzate: non occorre consegnare nulla in Segreteria.
I candidati che hanno ottenuto l’ammissione al nuovo corso dovranno:

  1.  Regolarizzare la posizione contributiva versando entro e non oltre il 30 Ottobre:
    • il MAV di € 136 per l’iscrizione 2017/18, già disponibile nel profilo Esse3 di tutti gli studenti;
    • il MAV del bollo virtuale di € 16 dovuto per il passaggio di corso, che l’ufficio Concorsi e immatricolazioni renderà disponibile a partire dal 23 Ottobre 2017;
  2. Attendere l’acquisizione automatica dei pagamenti su Esse3.

RICONOSCIMENTO ESAMI

Il riconoscimento esami verrà effettuato dal Dipartimento a cui afferisce il nuovo corso di Laurea, sulla base di quanto risultante nel libretto elettronico di Esse3 all’atto del passaggio. L’Ufficio Concorsi invierà la documentazione inerente la carriera pregressa, ai fini della valutazione delle attività didattiche da convalidare. La Segreteria Studenti provvederà ad inserire le convalide su Esse3 solo una volta acquisita la delibera di Dipartimento. Si precisa che la tempistica di convalida delle attività didattiche dipende direttamente dai tempi di delibera.

PRECISAZIONI SULLA TEMPISTICA

Si precisa che i candidati la cui richiesta di passaggio di corso è stata accettata non possono più sostenere esami nel vecchio corso di laurea e potranno sostenere esami nel nuovo corso solo a partire dal 1° Gennaio 2018.

La tempistica di conclusione delle stesse può avere durata variabile, a seconda di esigenze organizzative e procedurali degli Uffici. La meccanizzazione dei riconoscimenti potrebbe avvenire anche in data successiva al 31/12/2017 in ragione dei tempi di delibera dei Dipartimenti.

Paolo Guizzardi

Lascia un commento